Più culi per tutte!

Gentile Bruno Manfellotto,

Direttore di l’Espresso,

mi perdoni il ritardo con cui Le scrivo su un argomento a cui Lei ha già risposto.

Ma sono una donna, cittadina italiana, e sto in trincea; ogni giorno è una resistenza contro una nuova deriva feudale: obiettori di coscienza che rendono vana la legge sull’aborto, leggi sulla fecondazione asssitita che si fatica a definire civili, disoccupazione femminile,  tagli al welfare, femminicidi, stupri di gruppo, maltrattamenti familiari…insomma è un lavoraccio essere cittadina italiana, un pò come addestrarsi alla sopravvivenza, quotidianamente.

Le scrivo in riferimento all’immagine di Altracopertina, dell’Espresso del 17 febbraio scorso  con il primo piano di glutei femminili con tanto di elettrodi. La foto faceva da richiamo ad un servizio su esami clinici.

Conosco medicine alternative ma dubito che una tac la si faccia al fondoschiena, lì non ci sono organi visibili,  non le sembra? Inoltre non comprendo perché anche per parlare di medicina si debba adoperare un pezzo di corpo femminile.

Avevate fatto una scelta intelligente evitando di adoperare (per un po’, circa 90 giorni) parti anatomiche femminili per incentivare l’acquisto dell’Espresso da parte dei vostri lettori, (e le lettrici?), ed invece mentre l’Italia è al 76° posto per la condizione di vita delle donne, e  le strade o i pavimenti delle case si tingono di rosso per il sangue della mattanza di femicidi, pubblicate goliardicamente questa copertina.

Vorrei farle una richiesta ma prima dirle alcune cose.

Forse Lei non lo sa ma è tempo che qualche donna glielo dica.

Da quando c’è l’obbligo dell’istruzione, anche le donne leggono; in Italia le donne si laureano in maggior numero e anche in tempi più brevi rispetto agli uomini. Inoltre leggono molto di più. Ha letto bene signor direttore, noi donne leggiamo!

Un’altra cosa che Lei forse non sa è che abbiamo denaro a disposizione. Ecco qua la cosa è problematica: le italiane ne hanno meno degli italiani. L’Italia è in fondo alla classifica, precede solo Malta, per dati di occupazione femminile. Se le donne  restano incinte sono licenziate grazie alle dimissioni in bianco, rese lecite dal governo di Silvio Berlusconi, uno che come saprà, ha fatto “scuola” , bombardando mediaticamente le menti e la società italiana con immagini di parti anatomiche femminili.

Però qualche occupazione seppur precaria, le donne riescono a mantenerla e a tenerla stretta con le unghie e i denti, magari facendo salti mortali. In Italia le donne dedicano un maggior numero di ore di cura della famiglia, rispetto agli uomini, ma nonostante i pochi servizi per l’infanzia, le madri lavoratrici ce la fanno a tenersi qualche straccio di lavoro.

Quindi hanno qualche soldo in tasca per poter acquistare giornali. E magari potrebbero scegliere di acquistare il Suo settimanale.

Infine le svelo qualcosa che Lei ancora non sa. Noi donne abbiamo gli occhi. Si esatto direttore, quella cosa posta tra il naso e la fronte; mi rendo conto che anni di martellamento mediatico con immagini di fondoschiena o seni femminili ha fatto perdere l’attitudine a guardare le donne negli occhi e a coglierne emozioni e sentimenti ma credo che Lei sicuramente li avrà notati: ecco sono quelli con le ciglia intorno, talvolta colorati da ombretto.

Con quelli noi guardiamo!

Ora se mette insieme tutte le informazioni che Le ho dato, comprenderà che tra i suoi lettori ci sono anche delle lettrici che non sono solo oggetto di desiderio ma anche soggetto di desiderio.

Per questo Le chiedo come lettrice dell’Espresso  per par condicio, ogniqualvolta pubblica una foto di un trancio di corpo femminile, pubblichi anche un trancio di corpo maschile.

Potrebbe metterli nello stesso numero, sezionando la copertina, oppure fare uscite alternate.

Un numero una chiappa virile, il numero successivo una tetta. Faccia Lei.

In caso di uscite alternate suggerisco per i tranci maschili: pettorali, glutei, gambe, piedi (per le feticiste), spalle, schiena, nuca, chiome (nere o bionde, non rosse e non brizzolate per favore) sorriso, labbra, anche le braccia sono gradite, (ah! molte guardano le mani), così si rivolgerà anche, una volta tanto, alle sue lettrici.Perché le ha le lettrici!

Noi donne potremmo averne un doppio vantaggio: un piacere per la vista e uno stimolo alla competizione per i nostri compagni affinché si mantengano in forma; potrebbero eliminare quelle spiacevoli pancette o pettorali cadenti,  che arrivano con gli anta e che noi donne facciamo finta di non notare.

Insomma signor direttore porti fino in fondo la politica di informazione del settimanale che dirige, avendo cura anche della differenza di genere e conceda più culi (anche) per tutte noi!

La ringrazio per l’attenzione

Nadia Somma

7 pensieri su “Più culi per tutte!

  1. 1) … in Italia le donne si laureano in maggior numero e anche in tempi più brevi rispetto agli uomini…
    la media è quella scienza che dice che se te mangi 2 polli e io non ne mangio nemmeno 1 abbiamo mangiato un pollo a testa. ma secondo me stai meglio te e quindi io le medie le prendo con le pinze… vero?

    2) … uno stimolo alla competizione per i nostri compagni affinché si mantengano in forma; potrebbero eliminare quelle spiacevoli pancette o pettorali cadenti, che arrivano con gli anta e che noi donne facciamo finta di non notare.
    beh, la questione in questo caso è assolutamente ambivalente.
    spesso è meglio tacere su quello che noi siamo invece costretti a dover notare … gli anta arrivano per tutti/e … a volte anche prima!!

  2. ma quanta acredine,caro Adamo,mi sembra un’attacco diretto…quasi personale….io penso che invece Nadia abbia ragione…a Voi PIU’ Pilu….ed a noi PIU’Culi… e vai con la par condicio!!!!!!!!!!!

  3. @martina e tu, per parlare di acredine sei l’avvocato? e comunque non ho iniziato io ad attaccare; perchè vedi quelle pancette e pettorali cadenti le trovo offensive nei confronti del genere maschile… quindi attenzione a sguainare la spada perchè poi bisogna dimostrare di saperla adoperare!!
    per quanto riguarda il “più Pilù” non basta lo spazio qui concesso… ronf ronf ronf

  4. Buongiorno, sono un maschietto con compagna e figlio. Sig.ra Somma, le sue lotte sono le lotte non solo di una parte della società, ma ritengo, di tutte le persone che hanno a cuore il proprio vivere bene assieme agli altri (che per me è qualità della vita). Considero bello che voi donne cominciate o continuate a guardare le chiappe di noi uomini (ci fa venir voglia di essere meno mollicci e più attraenti per voi). Solo una cosa, non fatelo rivendicando la parità di esibizione del nudo sui giornali tipo l’Espresso o similaria, prendete assolutamente il peggio degli uomini e poi si innesca una partita a pingo pong interminabile.

    • Gent.mo Enrico,
      grazie per il commento, ma la mia era una vera e propria provocazione..nonho tanto interesse ai “culi” maschili, quanto mi interessano di più gli uomini (anche con pancetta). ironicamente ricordavo al direttore che ha anche delle lettrici e che se dovesse applicare la stessa strategia di marketing per attirare la loro attenzione..se lo immagina che vetrina di pezzi anatomici di uomini e donne che diverrebbe la copertina de l”Espresso?? Le auguro buon 8 marzo (in mancanza di una festa degli uomini che auspichiamo si stabilisca in fretta)

  5. Sinceramente, sig.ra Somma, io invece mi auspico che le carinerie verso le donne non siano limitate alla giornata di oggi, che ci si ricordi delle donne non solo l’8 marzo, ma tutti i giorni (spero che non mi prenda per un rompi p…e). Pertanto spero proprio che non si arrivi a mettere in calendario una festa dedicata agli uomini e che si tolga anche la festa della donna (ma per quest’ultima ci vuole ancora un po’ di tempo perchè la società cambi).

    Saluti

Dì la tua..

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...